lunedì 10 settembre 2012

.. e pensare che il centrosinistra li vorrebbe candidare....

Come da qualche post, ormai, comincio con una citazione di Isaiah Berlin, forse il più importante pensatore liberale del XX secolo .... non, quindi, un bieco comunista mangiapreti e, in mancanza, mangiabambini:
"... la libertà per i lupi spesso ha significato la morte degli agnelli"  (da "Due concetti di libertà") espressione nella quale si può facilmente intravedere la perplessità dell'Autore per gli eventuali disastri conseguenti, per esempio, a un individualismo economico lasciato a se stesso e a una competizione capitalistica senza regole; anche se, essendo stata scritta nel 1958, traspare anche la preoccupazione nei confronti dei regimi totalitari esistenti allora. Entrambi i timori sono tipici di questo VERO liberale: era si preoccupato per l'avanzante totalitarismo ma soprattutto lo era anche per i prodromi della possibile evoluzione del sistema capitalistico occidentale: ed aveva ragione, in entrambi i casi.....
.... infatti, caduto il Muro di Berlino, lo stesso autore hapotuto toccare con mano il verificarsi del suo timore: il capitalismo da manifatturiero si é vieppiù trasformato in finanziario e i regimi occidentali da liberal-democratici son ben presto diventati liberisti in economia e autoritari, come previsto e temuto, gli stati "vincitori della guerra fredda: é un autoritarismo strano, si vota ad esempio, ma sempre autoritarismo é .... in pratica ci troviamo di fronte a scontri fra oligarchie che si fanno guerra fra loro (condividendo fra loro sia il quadro politico-economico sia il personale che ne fa parte dato che si forma nelle stesse accademie e, spesso, proviene dagli stessi ceti) mentre il resto dei cittadini devono "solo" decidere quale delle due conviene scegliere nel giudicare come hanno gestito il potere: Weber applicato alla lettera, insomma... i timori di Berlin si sono fatti realtà: i cittadini vedono restringere, nonostante vivano in un regime liberal-democratico "formale", le proprie libertà individuali a fronte di uno Stato che, per quanto ridotto nelle sue ramificazioni, si presenta come il leviatano di hobbesiana memoria a difesa non tanto delle libertà quanto degli interessi particolari delle élite al potere. Venendo al nostro "paese" la citazione di cui sopra calza a pennello in molti fatti e avvenimenti della sua storia ma volendo rimanere all'attualità .... un esempio? l'Alcoa, la vicenda dei minatori sardi, l'alluminio ecc. la domanda che un VERO liberale si dovrebbe porre é:
lo stato é neutrale ma ha interesse a che il mercato funzioni regolarmente e che quindi se le aziende chiudono, nonostante le fortissime agevolazioni concesse, ma ci sono manifestazioni d'interesse da parte di altri ci sono che faccio? Intervengo prendendo atto delle manifestazioni d'interesse e pongo in essere affinché le condizioni di mercato vengano al più presto ripristinate.....
Invece cosa é accaduto? Lo Stato, nella persona dei Ministri tecnici, di ispirazione liberista in economia e liberale in politica, fa esattamente il cotnrario ... nicchia: prima dice che non ci sono manifestazioni d'interesse; poi dice che non ci sono condizioni per avviare nuovi insediamenti industriali, infine dice che non ci sono speranze; nel frattempo però le news sulle manifestazioni trovano conferma e, pare, che ci fosse qualcosa di più di una manifestazione d'interesse ma ... c'é un ma: esse arrivano da una concorrente e, quindi, l'industria che ora gestisce non gradisce e cosa fa lo Stato? Le da ragione ......come mai? Fosse che fosse che gli "impegni" presi dal Governo e sbandierati siano a tutela ..... dell'azienda cedente e NON del mercato e NE', tantomeno, dei lavoratori licenziati.
Un caso di scuola che se fosse capitato in uno Stato totalitario avrebbe fatto urlare i difensori delle libertà di mercato all'onta da lavare con le baionette!!! Invece accade in un paese dove, formalmente, il libero mercato impera, quindi:
  1. il governo non é rimasto neutrale;
  2. non ha difeso i diritti dei lavoratori;
  3. ha favorito, oggettivamente, gli interessi delle aziende dismettenti senza ricercare, per mantenere gli stessi (se possibile) livelli occupazionali e il pil regionale;
  4. non ha nemmeno rispettato i principi base del liberalismo, cui pur si richiamano a ogni pié sospinto, della regolazione del mercato per fargli raggiungere, non dico l'ottimo paretiano ... figuriamoci quello benthamiano, ma almeno l'equilibrio che consente di creare domanda laddove é in flessione per le bizze aziendali.
Berlin, liberale, si rivolterà nella tomba (é poco ma sicuro); ma la conclusione che se ne può trarre é una sola:  tutto ciò a poco a che fare con le regole del liberalismo e molto con il liberismo ossia con la finanziarizzazione dell'economia ossia quanto di più lontano dal pensiero liberale così ben rappresentato proprio da Berlin che difatti in economia era abbastanza contrario alle commistioni fra mercato e turbative di esso, soprattutto da aprte dello Stato........ quindi:
  1. con quale faccia esponenti del PD(menoelle) parlano alla luce del sole di "ottimi candidati" a proposito dei tecnici, o alcuni di essi, di questo governo per futuri governi da essi guidati?
  2. si meravigliano davvero di essere stati presi a male parole oggi dai lavoratori sardi (visto che, avallando le scelte del governo, avallano anche i comportamenti, a dir poco illogici, dell'azienda in questione?
  3. come mai, essendo azionisti della Spa "Governo", a parole sono "vicini" ai lavoratori ma nei fatti non assumono nessuna iniziativa a loro difesa?
.. per chi avesse ancora dubbi suggerirei di leggersi Berlin e se ne avesse ancora, di dubbi, di non dimenticare che gli stessi che negli ultimi 20 anni c'hanno ridotto così oggi hanno la faccia tosta di darci anche la medicina da assumere per risanare l'economia..... ricordatevelo quando, e se, andrete a votare!!!!!
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore