domenica 24 febbraio 2013

.. mentre aspettiamo la buona novella, il redditometro vien bocciato





e mente aspettiamo l'esito elettorale con non eccessiva ansia, quache parola perché una news mi ha colpito:  al Tribunale civile di Napoli, sezione distaccata di Pozzuoli, dove un Giudice ha accolto in 9 pagine un ricorso di un avvocato in nome di un contribuente che non voleva che "l'Agenzia venisse a conoscenza di ogni singolo aspetto della propria vita privata" il che significa che le Entrate NON potranno entrare nella nostra vita impunemente e con l'onere a carico nostro di dimostrare quanto loro sostengono noi si debba guadagnare perché si rifanno a uno ..... studio di settore perché é esattamente questo il punto, ossia che le Entrate sulla base di indici "regionali", creati sulla falsariga degli studi di settore per gli autonomi, stabiliscono quanto tu puoi gudagnare, quanto possa spendere ecc. e non gli importa nulla se poi i redditi son bassi e le entrate son quel che sono e magari la famiglia in questione magari ha risparmiato per dare al figlio una settimana bianca o un pc o un cellulare o quant'altro, non conta: dovevi guadagnare e in base a questo dovevi spendere quest'altro ma soprattutto dovevi spendere nonun cent in più perché se lo fai significa che hai guadagnato qualcosa a nero o chissà cosa... e l'evasore vero, seppur scoperto, ha quasi la certezza di passarla liscia il poveraccio non sfugge, sia che sia artigiano che dipendente; un meccanismo facile facile che colpisce il solito mucchio in nome di quel princpio di reaganiana memoria "affama la bestia così azzannerà la prima preda che gli capita a tiro...." un sano principio egualitario, democratico, progressivo, moderno.
Non posso che dar ragione a quel contribuente che ha fatto ricorso perché questa invasività "fiscale" mi ricorda tanto quell'altra follia delle cartelle pazze che venivano mandate a milioni di cittadini che si rivelavano tutte fasulle e chi non pagava se la cavava mentre chi pagava per vedere il rimborso, quando c'era un rimborso, aspettava mesi e mesi e subito c'erano solo le scuse pubbliche. Ora può uno Stato civile trattare così i propri cittadini, dando per scontato che son tutti potenziali evasori mentre, consapevolemente, a volte gira la testa dall'altra parte quando banche, società concessionarie, ecc. evadono con artifici contabili perché sanno che se va bene pagheranno in "ravvedimento operoso" una infima somma rispetto al dovuto?
Facciamo qualche esempio:
  1. le società concessionarie delle macchinette mangiasoldi devono la "piccola somma" di 98 mld di euro, poi quasi tutti "condonati" dal Parlamento.... se la caveranno con poco;
  2. banche e finanziarie che per anni hanno, con artifici contabili e operazioni estero su estero o simili, eluso il fisco per diverse centianaia di milioni...... qualcuna ha patteggiato, altri hanno resistito in giudizio altre ancora aspettano.... le elezioni, per tacere di MPS (la storia dell'attuale disastro non risale alla antonveneta ma addirttura alla banca del salento, pensate un pò.. se qualcuno vuole scavare dove dirigere le indagini fin lì indietro nel tempo).
  3. e che dire dei tassi libor ed euribor di cui non si parla qui ma che hanno costretto firo di banche internazionali a pgare multe salatissime alle autorità di controllo anglo americane e sono esposte a class action delle organizzazioni dei cittadini perché agivano con funzionari compiacenti sui tassi per fare, ulteriori, profitti dato che questi tassi influiscono su prestiti e mutui?
.... per fare un esempio di come é difficile questo mondo e di quali muri i cittadini hanno intorno per essere davvero liberi, globali, democratici e ciò spiega anche perché erano in malafede coloro che sostenvano che "mercato=democrazia" e quanto fossero in malafede coloro che sostenevano che senza mercato non c'è crescita, felicità, futuro.... erano in malafede e noi tutti eravamo truffati, il classico parco buoi.
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore