lunedì 10 novembre 2014

Il giorno che cambiò il mondo.. in peggio

Cade? E' caduto? Alla fine il mondo cambiò e la parte "libera" ebbe il sopravvento e tutti tirammo un respiro di sollievo.. il comunismo era morto w la libertà e il capitalismo. Tutto bene, quindi? No, e fin da subito.

Innanzitutto, nel timore di una rinnovata egemonia tedesca, Francia e Inghilterra strinsero i tempi per la convergenza dei paesi fondatori della futura UE ben sapendo che almeno metà dei paesi non ERANO pronti anzi forse contavano proprio sulla loro arretratezza per fermare la locomotiva tedesca. Naturalmente avevano ragione e torto: ragione perchè la locomotiva tedesca ripartì al massimo dei giri sia perchè c'era il mercato "coloiale" della ex DDR sia perchè comprese prima di altri che doveva contare sulle altrui debolezze sia perchè ha ascoltato e compreso il trend degli anni successivi e poteva contare sul fatto che gli altri si sarebbero attardati in inutili discussioni "sociali". Avevano torto perchè non fecero i conti con ...... i tedeschi e la loro capacità di adattamento rispetto agli imprevisti.
Un altra ragione era intrinseca al capitalismo stesso.... non avendo più un nemico non c'era più la necessità di mostrare un volto umano, sociale ma quello vero: un sistema "liberale" dove l'individuo era al centro del tutto e l'unica cosa che conta è la sua capacità di affermarsi senza fermarsi a stendere le mani ai caduti; fossero Stati, ceti o altri individui se restavano indietro erano persi, non esistevano semplicemente: chiamatelo liberalismo economico o liberismo il risultato dell'equazione eugenetica non cambia, se non ce la fai no esisti. Oh si certo, la cosa è affascinante perchè la ownership society in una società ideale è il massimo ma nella realtà attuale rappresenta solo una riproposizione di quanto era già accaduto dal 1799 a 1900: chi si trova in alto nella gerarchia sociale ha una strada molto facilitata rispetto a chi si trova più in basso; ha le scuole migliori, le università, ecc. gli altri possono solo sperare di riuscire a saltare il fosso. Rodotà in un suo saggio l'aveva preconizzato che la caduta del muro di berlino avrebbe avuto effetti collaterali ben al di là del singolo periodo ed ha avuto ragione. Non aveva, però, previsto la sparizione di un intero ceto sociale, i lavoratori: un terzo che non esiste più se non quando sono oggetto delle crisi e dei processi di ristrutturazione economica e meno che meno sono visibili oggi che la società è finanziarizzata.
La Klein, a sua volta, in "nologo" ci aveva anche avvisato: conta il progetto, l'idea.. poi dove viene prodotto non ha importanza alcuna anzi meglio se il lavoro costa meno: intere nazioni si sono specializzate in un singolo ruolo, ad esempio la Cina che è diventata la grande manifattura del pianeta; l'India dove c'è il passaggio dalla fase creativa a quella pre-produttiva; la Corea del Sud, e le zone franche di quella del nord, dove il comparto manifatturiero pesante ha il suo maggior sviluppo con la più grande acciaieria del globo.. tutto si è specializzato, diviso, segmentato a scapito, proprio, del modello europeo che era intrinsecamente perfetto se non avesse abbracciato a sua volta il liberismo di stato.
Si quel muro è caduto e la guerra fredda è finalmente finita; ne è scoppiata un altra: quella degli abbienti contro tutti gli altri.. molto meno fredda, però. Non ci sono morti e non ci sono schieramenti ci sono solo quei pochi che avvantaggiati dal sistema che, potere per il potere, hanno tutto l'interesse a vedere lo scannatoio messo su per il loro profitto e divertimento.......
Ci abbiamo proprio guadagnato dalla caduta di quel, maledetto, muro?
Ci siamo davvero entrati in una società migliore di quella precedente?
L'abbiamo proprio vinta quella guerra?
Un modo per capire in quale buco nero siam caduti è seguire i soldi: chi ci si arricchisce e chi si è arricchito? Dove son finite le riserve valutarie in oro dei paesi? Dove sono le nostre 3200 circa tonnellate di oro che erano la riserva su cui poteva contare il paese e chi le ha in mano o per meglio dire chi le gestisce e perchè e su quale mandato?
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore