sabato 12 febbraio 2011

Sign of times.....

Si, segno dei tempi: due situazioni lontane fra loro ma che ci aprono gli occhi su chi e cosa siamo diventati nella seconda repubblica ..... o forse sarebbe meglio dire il crepuscolo della prima senza che si veda nascere nulla che ci indichi che la vera seconda repubblica stia arrivando.
I° notizia: Si proclamano liberali; si proclamano non puritani né bacchettoni; si proclamano portatori di valori tradizionali (contrasto strindetissimo ma chi volete che ci faccia caso con il casino che sta tirando per salvare l'amato Capo ..... da se stesso). Ma nei fatti, ed é questa la loro vera natura, sono semplicemente opportunisti e mai come ora hanno bisogno che tutti gli sponsor vedano che gli accordi sono rispettati. Ultimo caso: la schedatura delle donne che si rivolgono ai centri che praticano la fecondazione. E la privacy? Vale solo per l'amato Capo e le sue feste allegre? O, a maggior ragione vale per quelle donne che, non potendo avere figli, e non avendo soldi per andare all'estero, a questi centri si rivolgono per avere una speranza di avere figli sottoponendosi a una legge medievale che é la vergogna di un paese civile. Schedatura? Si, nel decreto milleproroghe il Governo ha "infilato" una norma che prevede la possibilità per il Ministero della Salute (...) di conoscere non solo i trattamenti ma soprattutto i dati anagrafici delle donne che vi si sottopongono. Un abuso vero e proprio nei confronti di cittadine verso le quali si istituiscono controlli e schedature che solo paesi totalitari e illiberali (...) si pensa potessero introdurre. E civile? E liberale? Viola o no la privacy? Sign of times.....
II° notizia:A margine della speciosa discussione se indire o no la festa dell'unità d'Italia (speciosa perché in tanti ci stanno speculando per farsi ulteriore pubblicità e spingere la gente ad appassionarsi ad essa mentre ben altri sono i problemi..... uno fra tutti il prossimo defalut del paese o in alternativa le prossime manovre finanziarie, in linea con le indicazioni della UE, che potranno variare da un minimo di 25 ad un massimo di 50 miliardi di euro per i prossimi decenni) e se chiudere, o meno, uffici, scuole e fabbriche. Ora ditemi voi se politici, industriali, ministri, e simil tipologia si debba spendere in parole il proprio tempo su una materia che dovrebbe essere pacifica: festeggiare la nascita della propria nazione. Ho molti dubbi proprio sulla mancanza di storicizzazione del nostro paese e sulle condizioni nelle quali é nato e non l'ho mai nascosto, però ci siamo dentro e non vedo perché non si possa introdurre una festività che si festeggia ..... ogni 50 anni. Non mi pare un gran sacrificio, no?
Come dicevo all'inizio del post: due cose solo apparentemente lontane fra loro ma, visti i tempi, vicine che danno il là dei tempi che stiamo vivendo in questo paese confuso che ha perso la rotta originaria e si trova in mezzo a una tempesta senza nessun porto sicuro all'orizzonte che le possa permettere di riprendere fiato e fare il punto della situazione rispetto al tracciato che doveva seguire.......
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore