martedì 2 luglio 2013

erano loro che mi cercavano.....

chi lo dice? Si, proprio lui, il capomafia; l'ha detto agli agenti che lo scortavano. E perchè mai ora apre bocca: è chiaro che manda messaggi trasversali ma ha ragione chi pensa e dice che se lo fa è perchè vuole condizionare non tanto il processo quanto la politica, ossia la parte dello Stato che "trattò", ha nascosto nel recindito di qualche angolo buio della storia di questo paese.
Se lo dice è perchè sa quello che fa e lo fa nella maniera che conosce, l'unica, facendo vibrare le corde dell'inconoscibile per i cittadini: uno Stato che tratta con i mafiosi, si cala le braghe, per evitare la mattanza dei politici compromessi e dei sodali che vi hanno investito il proprio potere, non solo economico.
Trovo inquietante la "visita" fatta in casa del Magistrato; e trovo inquietante che non si sia preso null'altro che una pen-drive con i documenti segretati del processo: un altro messaggio di attenzione verso chi sta scoperchiando il vaso di pandora della collateralità di certo potere mafioso e di certo potere politico: è storia che gli americani sbarcarono in sicilia solo grazie a lucky luciano; essendo storia ci sarebbe da chiedersi cosa hanno dato in cambio....... bè anche il resto è storia mi pare, no? E chiunque vi abbia messo il naso troppo a fondo.. è morto: sparato, sparito in qualche gettata di cemento; saltato per aria e chissà ancora cos'altro, la lista è lunga..... e non è un caso il silenzio dei media sul processo sulla trattativa: un silenzio inquietante che la dice lunga sull'ordine di scuderia che ci si è dati... tacere, negare, smussare... e soprattutto far dimenticare riducendo il tutto a un processo penale. Quel processo penale però non tratta solo di alcuni uomini infedeli e di mafiosi stragisti ma dello Stato che ha usato i primi per parlare con i secondi e assecondarne le richieste il più possibile.... tutti gli Stati hanno lati oscuri, non siamo ingenui ma inquieta lo stillicidio di morti e silenzi: un pò troppo dato che questo cancro non poteva non infettare tutto, ed è esattamente quello che è accaduto dato che il cancro è cresciuto e ora sta uccidendo l'ospite.
Eppure continuano a negare: anche di fronte all'evidenza perchè a Firenze c'è stato, nel frattempo, un altro processo che ha stabilito che "trattativa c'è stata" senza ombra di dubbio eppure.. a Palermo si nega, come mai? Perchè a Palermo ci sono i politici ad esserne coinvolti a vario titolo ed a vario titolo ne devono rispondere.. è questo il pericolo .. per loro e per chi per decenni ne ha sostenuto e condiviso le sorti. Semmai dovessero aprire bocca..... allora si che nascerebbero problemi: spiace vedere come le istituzioni siano lontane dai PM e dal processo; spiace anche vedere come i media facciano gioco reggendolo: anche quando la controparte manda segnali chiarissimi di voler parlare se non lo dovessero tirar fuori dai guai definitivamente...... è geave che lo faccia ma è anche più grave che nessuno ne condanni l'atteggiamento chiaramente, ne prenda le distanze: chissà perchè... quell'olezzo di liquami che, dopo Firenze, sembrava essersi attenuato ora si risente fortissimo: e non testimonia a favore delle istituzioni e della reale volontà antimafia delle stesse, purtroppo......
Non è un caso, a voler pensar male (....), che c'è chi spinge fortemente per "riformare" la Costituzione e nemmeno è un caso che c'è chi vorrebbe "riformare" CSM e Corte Costituzionale, tanto per cominciare... e non mi meraviglierebbe nemmeno che alcune virgole bene introdotte nella Costituzione "riformata" a cascata porterebbe ad altre conseguenze nella legislazione ordinaria, anche penale...... e ci scommetterei che a farne le spese saranno non solo i Magistrati, la legge, ma anche Madame Giustizia intesa nel senso più alto del significato: un pietra tombale grande cone Stonehenge verrebbe posta sopra essa definitivamente.. soprattutto se si prevederà la separazione delle carriere e la messa sotto custodia politica del PM: con tanti saluti per la giurisdizione indipendente e l'obbligatorietà dell'azione penale, come P2voleva e come oggi si rischia di scrivere proprio nella Grundnorm del paese, la Costituzione.... roba da Cile pinochettiano.
Non vedo gente per strada; non vedo dibattiti in rete; non vedo nemmeno denunce particolarmente forti: non tanto perchè singolarmente presi non ne sentiamo istintivamente il pericolo quanto perchè siamo così rassegnati e sfiduciati che nemmeno ci facciamo sfiorare dall'idea che così non solo rinunciamo al diritto di essere uguali di fronte alla legge al pari dei politici ecc. ma che il "servizio" legge può essere piegato al più forte o alla ragion di Stato che supremo interesse ha sempre fermato fuori dalla porta la crescita del paese in senso democratico... certo: votiamo; parliamo liberamente; ci sentiamo liberi.. ma sono sensazioni più che certezze; prova ne sia che, per fare un esempio scevro dall'argomento del post, proprio ieri a Roma un corteo dei movimenti per la casa romani autorizzato è stato manganellato malamente solo perchè la piazza d'arrivo dello stesso era "occupata" dalla destra: secondo voi mica hanno fatto loggiare i secondi, no ... hanno prima fermato e poi menato come tamburi chi manifestava liberamente, peraltro autorizzato, per un diritto negato in questo paese; come dicevo prima: sensazioni di essere cittadini liberi più che certezze di appartenere ad una delle patrie del pensiero liberale e democratico dell'occidente e con le sensazioni non si fa certo molta strada, soprattutto quando ti menano avendo ragione.
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore