lunedì 1 ottobre 2007

Il blogger "uomo" dell'anno?


Secondo il gornale Time l'uomo dell'anno sarà il "blogger", ossia l'individuo comune che tiene quello che una volta era il diario (pensieri, parole, e altro) e che ora fa direttamente concorrenza ai media del mainstream tadizionale con notizie, idee, battaglie, in una parola: un diretto concorrente che volontariamente, e di solito senza legarsi al carro di un potente, fornisce interpretazioni e notizie mettendo a volte a nudo i potenti. Naturalmente questo nel mondo; in Italia invece siamo amcora alle glitterate e ai diariucci personali e pochi sono quelli che davvero "contano" e hanno seguito sia in rete che nel mondo reale: uno di questi è Grillo ( http://beppegrillo.it/ ) che se queste clasifiche fossero fatte da noi davvero potrebbe essere eletto uomo dell'anno per il peso sociale e politico che ha senza nemmeno usare i media tradizionali; anzi al contrario proprio standone fuori ha vinto la battaglia della invisibilità mediatica e si può dire che oggi ha molto più peso di qualunque politico italiano (sia della destra demagogica che di quella democratica). Naturalmente gli inquadrati contesteranno quest'opinione: quelli del ParDem e della cosiddetta sinistra radicale temendo di perdere il loro serbatoio di voti, e quelli del futuro PdL (con annessi cespugli più o meno leghisti di qualcosa) perchè si propongono loro come "antipolitici" (categoria questa che NON esiste nella realtà della scienza politica ma che viene usata per esorcizzare qualunque non inquadrato outsider) e che si vedono sbalzati da essa e naturealmente anche questi temono di perdere voti. Ma è davvero così? In fieri naturalmente è così: Grillo e la blogosfera nelle sue varie articolazioni è davvero oggi il contrappeso e lo sfogatoio della società che non trova altro modo per far sentire la propria voce ed il controllo sulle magagne che la casta politica combina; ma (c'è sempre un ma) vista l'arretratezza del nostro paese (nei confronti di quelli più avanzati da questo punto di vista l'Italia soffre di un vero e proprio "digital divide") che ha ancora bisogno di dividersi in Guelfi e Ghibellini per sentirsi partecipi di qualcosa invece di scegliere scientemente in base a programmi e serietà dei candidati. Negli USA gli elettori spesso votano alla carica di Capo dello Stato per un candidato di un partito e per il Parlamento il candidato del partito opposto in modo da creare il cotrappeso fra loro e far funzionare la propria macchina democratica: solo con Bush questa regola è stata disattesa ma gli interrogativi sono tanti in proposito... qui da noi invece non è nemmeno lontanamente pensabile una cosa del genere. Anzi le spinte per stringere la vite sulla blogosfera sono enormi e mirano soprattutto e delimitarne il campo fino a soffocarla: per non parlare di chi prima parte come battitore libero e poi si pone al soldo del potente di turno (e ce ne sono.....). Sono in tanti a domandarsi chi c'è dietro il fenomeno "Grillo" e si fa tanta dietrologia (che è il vero sport nazionale) senza pensare che in realtà questo fenomeno è cresciuto oltre che per una riuscitissima operazione mediatica anche perchè realmente è rappresentativo di un malessere sociale che sarebbe esploso in altri modi se non ci fosse stato lui.
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore