mercoledì 19 dicembre 2007

Outlier (o outlet) Italia?

Mentre ieri altre 5 morti bianche hanno funestato le cronache; la politica, a fronte delle parole di circostanza non fa assolutamente nulla per evitarle: anzi, citando un politico, essenso un paese integrato in un sistema "liberaldemocratico (leggasi liberista)" dobbiamo attuare politiche di tale stampo che mirano, quindi, non ad alzare i salari e i livelli di sicurezza costringendo con la forza della legge e dei controlli a spendere un pò dei profitti che si metono annualmente in tasca per investire in azienda e non mirare a strizzare ulteriorimente il lavoratore pagandolo di meno e rendendo l'ambiente di lavoro meno sicuro; a sentire la trasmissione Ballarò e i politici che vi sono intevenuti sembra, invece che la cosa più importante fosse...... i rapporti fra maggioranza e opposizione per le mitiche "riforme" che sono sul tappeto. Insomma la solita solfa barbosa su come i sepolcri imbiancati tentano di darsi una riverniciata di fresco e rendersi almeno presentabili. Poco conta che il paese è appena stato superato come reddito pro-capite dalla Spagna di Zapatero, come poco conta che il lavoro, sia a tempo determinato che indeterminato, sia svolto in condizioni di assoluta insicurezza e che i lavoratori italiani siano i peggio pagati d'Europa come lo Stato stia svendendo un'altro pezzo importante di se stesso come l'Alitalia e abbiamo appena apreso che i precedenti Amministratori delegati hanno percepito impotanti liquidazioni e premi per "obiettivi raggiunti": ma quali obiettivi raggiunti, quelli di portarla al fallimento per svenderla meglio? Ed erano proprio necessari tutti quei milioni di € per chi ha gestito male? Ed invece la nostra classe politica che fa? Si rinfaccia le cose fatte e male delle varie gestione rovesciandosi addosso spazzatura gratuita. Ma questa dovrebbe essere la classe che ci porterà fuori dalla depressione o è quella che ci ha spinti dentro essa? E davvero sperano che il popolo bue prima o poi non si svegli e giri la testa da un'altra parte per sempre? Qualcuno davvero crede che il ceto dirigente che ci ha portato a questa rovina abbia la forza e la levatura morale di elevarci da essa: perchè se qualcuno lo pensa davvero c'è da chiedersi dove fosse negli ultimi 40 anni: dormiva o cosa? La lontananza dalla società reale è ormai abissale e la presa sul reale ancora minore. Cosa fare se ci troviamo in tale a situazione e ci rendiamo conto che costoro non mollano la presa. E' vero che gli italiani amano dividersi su tutto e che ancora non hanno capito che i guelfi e i ghibellini appartengono ad un'epoca che non esiste più ma continuare a farsi del male così è proprio un controsenso dato che ormai il paese nel suo compesso è il fantasma di se stesso ed è ormai davvero al blocco completo. il problema è che proprio questo ceto dirigente ci ha portato a questa situazione ed è ormai conclamato che è incapace di farci uscire così è chiaro come il sole che lo stesso ceto dirigente si è stratificato a tal punto da fare resistenza al nuovo e questa resistenza sta facendo da tappo alla società allargandone il malcontento e le divisioni al suo interno: quindi il paese outlier frena quella reale ma al contempo per continuare a "contare" ha la necessità di trovare problemi che sviino l'attenzione da sè e dai danni che si stanno facendo rendendo l'Italia l'outlet del pianeta, il posto per fare shopping a buon prezzo e senza grossi rischi.
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore