giovedì 11 ottobre 2007

Referendum sul Welfare: vincono i si

Innanzitutto su Affari italiani trovate una scheda esplicativa del protocollo sul Welfare, che vi consentirà di capire a cosa si andrà incontro nei prossimi anni. Si tratta di un sistema di scalini successivi che senza traumi evidenti otterrà lo stesso effetto dello scalone maroniano che tanto "irritava" i sindacati e le opposizioni: salvo naturalmente fare la stessa cosa diluita in più tempo. Quindi mentre la Destra demagogica non la usava la Destra democratica (entrambi per intero o grossi spezzoni di essi futuri alleati sotto il nome di PdL e ParDem) usa, invece, la vaselina in grande abbondanza! Veniamo al Referendum. Sulla base delle indicazioni della triplice ha votato circa il 60% in media e i sì sono fra il 75%-80%: in pratica si ha a disposizione un dato di 115 aziende per un totale di 96.400 (presi da televideo alle ore 5.30 circa di oggi) lavoratori che viene ritenuto comunque significativo....... da loro. Mah. E cantano vittoria? Guardiamo innazitutto l'affluenza alle urne: se venisse confermato il dato (60%) significa che il 40% dei lavoratori non si è recato nei seggi a votare (o perchè come segnalato da più parti non c'erano seggi in alcune città o per sfiducia): e se fossi uno dei boss della triplice un grattacapo mi verrebbe eccome se mi verrebbe dato che è una fetta considerevole che testimonia la sfiducia che ha raggiunto preoccupanti vette ed è significativa soprattutto quando ci si vanta di rappresentare e firmare contratti "erga omnes". Poi un'altra incongruenza, dai metalmeccanici (una delle federazioni, FLM, più importanti della triplice) il no è netto e vince: ma allora i dati che sono stati forniti non corrispondono a meno che i due dati (vittoria del sì e voto metalmeccanico) abbiano viaggiato su binari diversi perchè essi sono e rappresentano una bella porzione del mondo del lavoro; come dicevano i politici della I° Repubblica ".... a pensar male non si fa bella figura ma spesso ci si piglia" non è, per caso, i milioni di pensionati sono stati "incoraggiati" a correre a votare? E non è che, sempre per caso, mentre nelle grosse realtà (dove il voto era controllato) guarda caso ha vinto il NO mentre nelle piccole (magari dove prendevi l'urna e te la portavi in sede o a casa) hanno vinto i sì? E i lavoratori pubblici? In molte realtà medio-piccole nemmeno sapevano che si doveva votare nè dove fossero i seggi (e magari poi escono montagne di voti a favore del si?). Si sa che spesso il diavolo si nasconde nei dettagli e pur non volendo fare della dietrologia personalmente questi chiaroscuri non mi convincono ma così è se vi pare e, almeno, al momento si devono prendere per buone le cifre di cui sopra. Però, Cari Lavoratori come vedete siete importanti e temuti ancora: ogni tanto sia la triplice che gli ex partiti operai () e, addirittura, i confindustriali erano preoccupatissimi che voi non faceste i bravi bambini e che vi ricordaste che siete la vera colonna vertebrale del paese, cioè che per poco più di 1.100 € al mese fate guadagnare bei soldini in profitti ai ricconi (che così possono giocarci in vario modo), allo Stato (in tasse e senza di voi sarebbero nei guai visto il livello di evasione fiscale italiano), e alla triplice che si puppa mensilmente la propria tassa sotto forma di adesione ad esse; siete importanti (checchè se ne dica), non siete dinosauri in via di estinzione anzi mai come ora siete quelli che portate acqua al mulino dei potenti anche se involontariamente immagino. Vi do un consiglio: continuate a fare come fate da anni ormai: finchè la triplice farà, anche se tangenzialmente, i vostri interessi mantenetene la tessera ma quando andate a votare per le politiche confermate una volta di più il vostro voto così come risulta dalla geografia elettorale italiana: risulta, infatti per esempio, che i lavoratori dell'ex triangolo industriale tengono sì la tessera della triplice in tasca ma votano LEGA e PRC o similari. Continuate così: è l'unico modo per mettere, come si dice in questi casi, un pò di pepe in più nella minestra e preoccupare i "padroni del vapore". Naturalmente se poi aderiste al "grillismo" ci sarebbero due effetti (che solo la storia dirà se sono positivi o meno): il primo sarà quello che i suindicati "padroni del vapore" sarebbero estremamente preoccupati; il secondo sarebbe quello che uno scrollone alla politica elitistica e ingessata dei gerontocrati perderebbe una delle due staffe su cui si poggia, ossia quella delle persone che vivono del lavoro loro e che pagano fino all'ultimo centesimo le tasse e non è poco credetemi.
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore