lunedì 4 febbraio 2008

Ancora giù i tassi americani: la Fed sceglie la via dell'elettrochoc per rianimare il morto

La Fed sceglie la via dell'elettrochoc per rianimare l'economia americana ormai ferma (+0.6 su scala annua sull 'ultimo periodo dell'anno scorso) e depressa. In una situazione del genere si sarebbe dovuto intervenire con maggiore attenzione verso coloro che ne sono stati danneggiati ma che non avendo "peso" e voce nell'economia liberista americana non sono nememno presi in considerazione. Se ne sono accorti i rappresentanti del Congresso che stanno battagliando a chi, siamo in tempo di elezioni ecco il motivo, alza la posta degli assegni assistenziali da "ammollare" come contentino a chi ne è colpito direttamente, infatti mentre al Senato si approvano 161 mld di $ alla Camera 146 da cui sarebbero esclusi i redditi oltre i 75.000 $: in teoria una buona idea se ci fossero una serie di misure collaterali volte a sostenere il reddito e l'occupazione ma in realtà una goccia nel mare nella situazione statunitense dove l'impoverimento progressivo di ampie fette della popolazione è irreversibile, stante il sistema economico così congegnato. L'abbassamento dei tassi è una scelta di corto respiro: é un pannicello caldo che da solo liquidità momentanea ma che con gli squali presenti sul mercato rischia di creare una nuova bolla speculativa peggiore della precedente appena esplosa, e che scarica sugli altri paesi economicamente connessi parte del peso e consente alle istituzioni finanziarie che ci hanno rimesso dei soldi, non propri, anzi sono aumentati (sono milionari gli assegni che i ceo delle stesse si sono staccati l'anno scorso), me degli azionisti e a cascata della povera gente che non ha il potere certo di risollevare le sorti degli uomini e delle donne che ne pagano le conseguenze sociali. Nella patria del liberismo, d'altronde, non poteva che essere così dato che non si ammette mai che il mercato è un luogo di speculazione innazitutto, poi anche di privatizzazione dei profitti e con lo Stato che come in questo caso fa da bancomat, e quindi è inutile imporre dei correttivi che darebbero fiato a chi, nascondendosi dietro l'invasione dei comunisti, si vedrebbe intaccato nei propri meschini e lucrosi interessi. Siamo al crollo del sistema? Non credo: troppi sono gli interessi in gioco e troppo hanno da perdere chi ne beneficia, certo lo spavento (lo prova il nervosismo di Bernanke) se lo sono preso, e quindi i destini dei poveri e futuri poveri americani non rischia di essere diverso da quello prospettato finora. Discorso diverso è per le colonie (Italia compresa) dell'Impero dove invece l'uso "pattumiera", prima con i subprime e ora in seguito alle tensioni dei mercati americani, rischiano di fare enormi danni non solo economici ma soprattutto sociali e i primi effetti già si cominciano a vedere e non sono certo low profile: una volta tanto bene ha fatto la BCE ha tenere alta la guardia rifiutandosi, per ora, di abbassare i tassi con l'obiettivo di parare parzialmente gli effetti anche se naturalmente la pressione stessa delle forze economiche, anche europee, è tale che prima o poi si dovrà scegliere fra abbassarli o far partire in tutto il vecchio continente una nuova, malauguratissima, stagione di macelleria sociale dove a pagare saranno i soliti noti: chi più ( in Italia dove si andranno a innestare con la maleconomia o come già dalla malapolitica messa in pratica dalla pavida clase dirigente liberista) e chi meno (come in paesi del nordeuropa dove lo Stato è efficiente e svolge egregiamente il prorio lavoro di controllore e regolatore del mercato). Qui è dove rischia maggiormente il sistema integrato di crollare: e il nostro paese ancora una volta si trova ad un crocevia pericoloso dove alle tensioni interne si aggiungono queste non meno gravi che sicuramente creeranno nuove ferite alla società.
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore