venerdì 8 febbraio 2008

Prima i laici ora gli ebrei, i prossimi?

Come se non bastassero i fronti aperti (aborto, fecondazione, coppie di fatto, diritti dei gay, eutanasia, testamento biologico, ecc.) nel tentativo, riuscito, di controllare la società italiana considerata l'ultima ridotta della cattolicità: la linea del Piave, ora se ne apre anche uno con gli ebrei. Nel cambiare la preghiera per gli ebrei la Chiesa ha suscitato un putiferio anche maggiore della crociata per l'eliminazione delle conquiste dei diritti sociali e l'aborto; infatti la nuova formulazione anche se apparentemente equivalente alla precedente in realtà trova il modo di dare un duro colpo al dialogo interreligioso sviluppatosi nel corso degli anni riaffermando le differenze piuttosto che i punti in comune. Il vero problema è l'ideologismo che c'è dietro queste prese di posizione che è pericoloso perchè riafferma la visione dell'ebraismo come una sorta di gregge che ha preso un percorso diverso e che è da riportare all'ovile cristiano sorvolando sul fatto che l'ebraismo è non solo precedente al cattolicesimo ma ne è stato la culla. Ci sarebbe da chiedersi il perchè di questa presa di posizione: riaffermare la diversità? Rivendicare una sorta di supremazia e/o di superiorità della Chiesa Cattolica rispetto agli altri? O, forse, non è il fatto che la rinascita della corrente conservatrice della Chiesa ha riportato alla luce quella parte, mai sopita, di visione millenarista che vede negli ebrei coloro che devono essere "convertiti" perchè ritenuti "cristiani che sbagliano" o che non sanno di esserlo? Una cosa sembra netta: l'attuale linea ecclesiale sta avendo effetti dirompenti nei confronti di molte questioni, anche delicate, quasi a voler riaffermare il proprio potere e far sentire il proprio peso su cose che qualcuno riteneva superate e che in realtà non lo erano e che sta riportando l'orologio della storia indietro non di anni ma di secoli davvero ai tempi bui del medio evo.
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore