domenica 23 settembre 2007

Saddam: la pena di morte sarà eseguita


Ormai si dice che è questione di ore, Saddam sarà impiccato e la "liberazione" e la democrazia, saranno pienamente compiute. Ripeto era un sanguinario ed un dittatore, meritava di finire i suoi giorni in cella, nella peggiore cella della peggiore prigione irakena (magari Abu Grahib che ne dite?), ma ucciderlo no oltre che un'inutile vendetta (che in questo caso ha un sapore amarissimo che sa di inutilità soprattutto) ne fa anche un martire agli occhi dei sunnitiottenendo solo di accentuare l'odio anti occidentale e il terrorismo, sia interno che internazionale, minando dalle fondamenta il sottilissimo filo che ancora separa questo paese dalla guerra civile e dalla pulizia etnica (già denunciata peraltro perchè in corso). Quanto diventerà grande il fiume di sangue che scorrerà dopo la sua morte? Davvero pensano che in questo modo saranno eliminati i problemi che ci sono quando bush ha scoperchiato il vaso di pandora irakeno? E le vittime curde sono meno vittime delle altre visto che i parenti che aspettavano il processo per poter guardare in faccia il "gasatore" (peraltro allora finanziato e armato da noi occidentali) e vederlo condannato? Qui nom so se si rendono conto che stanno ballando sull'orlo del baratro e che la morte di questo dittatore, ormai agli occhi dei sunniti un martire, potrebbe fa precipitare l'intera regione in una guerra dalle conseguenze imprevedibili per tutti noi e non solo per l'oggi ma per il prossimo futuro anche. Questa si chiama barbarie e la barbarie ne genera altra di segno diametralmente opposto nei nostri confronti: siamo pronti a pagarne il prezzo? Soprattutto se ripensiamo che tutto questo è dovuto alla incapacità di qualcuno di discernere fra ciò che doveva essere fatto contro gli attentatori e i loro paesi (erano quasi tutti sauditi) e non regolare i conti con qualcuno che fino a pochi anni prima erano un valido alleato e un baluardo contro l'espansionismo sciita-iraniano nella regione? Chi prese quelle decisioni dovrebbe essre a fianco del dittatore nel giudizio come co-imputato per responsabilità oggettiva in quanto non poteva dire "non sapevo" nè poteva dire "ragioni di stato" perchè in realtà, come poi è puntualmente accaduto" il "dittatore" era solo un'utile idiota, un burattino nelle mani di altri che quando non è più servito lo hanno prima isolato, poi abbattuto, e ora lo uccidono: in none di cosa?
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore